info@therahub.ch

TheraHub

Scrivici in
WhatsApp

TheraHub

La nostra fisioterapia

Nel nostro centro potrai trovare una struttura all’avanguardia e personale specializzato con un’importante formazione ed esperienza pregressa ci rendono un punto di riferimento per la riabilitazione in Ticino.
fisioterapia therahub mendrisio

Thera Hub infatti si pone come obiettivo quello di integrare le migliori evidenze scientifiche all’interno dei trattamenti proposti, nel rispetto delle migliori linee guida presenti a livello internazionale.

All’interno dello studio si trova una palestra attrezzata Technogym per garantire al paziente la migliore esperienza riabilitativa possibile, i macchinari presenti permettono di incrementare la massa muscolare, la coordinazione e migliorare la propria resistenza aerobica.

Disponiamo infine dei più importanti apparecchi elettromedicali presenti nei migliori centri di fisioterapia, come la Human Tecar e l’onda d’urto.

TheraHub offre trattamenti professionali e basati sull’evidenza scientifica per affrontare le tue esigenze di salute muscolo-scheletrica con i migliori risultati”.

Fabio Speranza

FISIOTERAPISTA

Fisioterapia

Trattamento specifico

La fisioterapia consente attraverso l’utilizzo di esercizi e movimenti di recuperare le funzioni perse o ridotte a causa del dolore.

La fisioterapia ortopedica e la riabilitazione post-operatoria rappresentano un approccio integrato per il trattamento delle condizioni muscoloscheletriche e il recupero dopo interventi chirurgici ortopedici. Questo ramo della fisioterapia si concentra sulla valutazione e sul trattamento delle lesioni, dei disturbi muscoloscheletrici e dei deficit funzionali, nonché sul recupero dopo interventi chirurgici ortopedici.

La fase post-operatoria è cruciale per il successo del recupero ortopedico. Dopo un intervento chirurgico ortopedico, come la sostituzione dell’anca o del ginocchio, la riparazione di una frattura o la ricostruzione di un legamento, la fisioterapia ortopedica entra in gioco per aiutare il paziente a recuperare la funzionalità e la mobilità. I fisioterapisti ortopedici lavorano a stretto contatto con i chirurghi ortopedici per sviluppare un piano di riabilitazione personalizzato, adattato alle esigenze specifiche del paziente e al tipo d’intervento chirurgico subito.

Presso il nostro centro, adottiamo un approccio completo e integrato che prende in carico il paziente dalla fase sub-acuta fino alla ripresa dell’attività. Si comincia quindi con la riduzione del dolore / gonfiore nonché il recupero dell’escursione articolare e della capacità muscolare. Il percorso riabilitativo prosegue attraverso una vasta gamma di tecniche terapeutiche, dagli esercizi terapeutici alla mobilizzazione articolare, dalla terapia manuale alla terapia fisica. Inoltre, forniamo consulenza e supporto individualizzato per aiutare i pazienti a gestire il proprio recupero e a ritornare alle attività quotidiane e sportive in modo sicuro ed efficace.

Il nostro obiettivo è quello di fornire un’assistenza di alta qualità che promuova il recupero ottimale e la massimizzazione delle prestazioni, consentendo ai pazienti di tornare a vivere una vita attiva e soddisfacente.

(cervicalgia, lombalgia, dorsalgia, dolore alle articolazioni)

La fisioterapia muscoloscheletrica rappresenta un’importante risorsa nel trattamento di condizioni dolorose come la lombalgia, la dorsalgia, la cervicalgia ed i dolori articolari. Questi disturbi, spesso associati a problematiche muscolari e articolari, possono compromettere significativamente la qualità della vita dei pazienti. L’incidenza di tali patologie è considerevole, coinvolgendo un ampio spettro di età e condizioni fisiche.

La lombalgia, caratterizzata da dolore nella regione lombare, è una delle condizioni più comuni affrontate in fisioterapia, mentre dorsalgia e cervicalgia colpiscono rispettivamente il tratto dorsale e cervicale.

I dolori articolari, che coinvolgono le articolazioni come ginocchia, gomiti, caviglie spalle, anche e polsi, possono essere dovuti a problemi biomeccanici, lesioni o condizioni come l’artrite.

In generale, la fisioterapia muscoloscheletrica per queste condizioni si basa su una valutazione approfondita del paziente per identificare le cause sottostanti al dolore e sviluppare un piano di trattamento personalizzato. Questo si baserà sulle migliori linee guida presenti in letteratura e non potrà prescindere dall’educazione del paziente sul significato del proprio sintomo e sulle aspettative del trattamento. Dal punto di vista pratico l’approccio potrebbe includere trattamenti manipolativi ed esercizi funzionali.

L’obiettivo principale è alleviare il dolore, ripristinare la funzione muscoloscheletrica e prevenire recidive attraverso un approccio mirato alle esigenze individuali del paziente.

In conclusione, la fisioterapia muscoloscheletrica svolge un ruolo fondamentale nel trattamento della lombalgia, dorsalgia, cervicalgia e dolori articolari, offrendo soluzioni mirate per alleviare il dolore, migliorare la funzione e promuovere il benessere complessivo del paziente.

Il dolore cronico è una condizione debilitante che affligge milioni di persone in tutto il mondo. Contrariamente al dolore acuto, che di solito è temporaneo e legato a un danno tissutale recente, il dolore cronico persiste per periodi prolungati, spesso oltre i tre mesi, e può essere associato a una vasta gamma di patologie e disturbi. Questa forma di dolore non solo ha un impatto significativo sulla qualità della vita del paziente, ma può anche influenzare negativamente il loro stato emotivo, sociale ed economico.

La fisioterapia rappresenta un’importante risorsa nel trattamento del dolore cronico, offrendo un approccio multidisciplinare che mira a ridurre il dolore, migliorare la funzionalità fisica e promuovere il benessere complessivo del paziente. Il trattamento fisioterapico per il dolore cronico si basa su una valutazione approfondita del paziente per identificare le cause sottostanti del dolore e sviluppare un piano di trattamento personalizzato. Questo può comprendere l’utilizzo di test validati dalla comunità scientifica che consentono a terapista e paziente di monitorare i progressi raggiunti durante il periodo di trattamento.

Oltre agli interventi diretti sul corpo, come trattamenti manipolativi associati ad esercizio fisico, la fisioterapia per il dolore cronico deve includere programmi di educazione del paziente. Questi programmi forniscono al paziente informazioni preziose sulle cause del loro dolore, strategie per gestire il dolore quotidiano e modifiche dello stile di vita che possono contribuire a migliorare la loro salute e il loro benessere complessivo. 

La fisioterapia geriatrica, in studio o a domicilio, è un ramo specializzato della fisioterapia che si concentra sulla salute e sul benessere delle persone anziane. Con l’invecchiamento della popolazione, la necessità di interventi fisioterapici specifici per affrontare le sfide legate all’età è diventata sempre più importante. La fisioterapia geriatrica mira a migliorare la qualità della vita degli anziani, riducendo il dolore, migliorando la funzionalità fisica e promuovendo l’indipendenza.

Un aspetto chiave della fisioterapia geriatrica è la valutazione approfondita del paziente anziano e dell’ambiente che lo circonda, per poter sviluppare un piano di trattamento personalizzato che tiene conto delle condizioni mediche preesistenti, delle capacità fisiche e delle preferenze del paziente. Oltre alla valutazione delle capacità motorie come forza muscolare, flessibilità, mobilità articolare, equilibrio e coordinazione, è importante capire quali siano le criticità del paziente all’interno dell’ambiente domestico e familiare, al fine di impostare un percorso fisioterapico che possa tenere conto di ogni aspetto della vita quotidiana.

Un ulteriore tassello che in Thera Hub riteniamo fondamentale è il confronto con le diverse figure sanitarie (medici, infermieri, assistenti di cura..) che insieme a noi si prendono cura dell’assistito. I nostri pazienti pertanto sono sicuri del fatto che il proprio medico sia sempre aggiornato sui progressi del trattamento e che questo sia condiviso all’interno dell’equipe riabilitativa.

La fisioterapia neurologica è una branca della fisioterapia che si concentra sulla valutazione e il trattamento dei pazienti con disturbi del sistema nervoso centrale e periferico. Questi disturbi possono includere patologie come ictus, lesioni del midollo spinale, sclerosi multipla, malattia di Parkinson, lesioni cerebrali traumatiche e neuropatie. La fisioterapia neurologica mira a migliorare la funzionalità fisica, la mobilità e la qualità della vita di questi pazienti, utilizzando una varietà di approcci terapeutici mirati.

Uno degli obiettivi principali della fisioterapia neurologica è il miglioramento della mobilità e della capacità motoria. I pazienti con disturbi neurologici spesso affrontano sfide come debolezza muscolare, spasmi, rigidità e difficoltà di coordinazione. I fisioterapisti neurologici utilizzano una combinazione di esercizi terapeutici, terapie manuali e tecniche di rieducazione motoria per aiutare i pazienti a migliorare il controllo dei movimenti e a raggiungere una maggiore indipendenza nelle attività quotidiane.

La gestione del tono muscolare è un’altra componente importante della fisioterapia neurologica. I disturbi neurologici possono causare alterazioni del tono muscolare, come ipertonia (aumento del tono muscolare) o ipotonia (diminuzione del tono muscolare), che possono influenzare la capacità del paziente di muoversi e svolgere le attività quotidiane. I fisioterapisti utilizzano tecniche di stretching, mobilizzazione articolare e terapie manuali per ridurre il tono muscolare anormale e migliorare la flessibilità e la mobilità.

La rieducazione del movimento è un aspetto cruciale della fisioterapia neurologica, soprattutto per i pazienti che hanno subito lesioni cerebrali traumatiche o ictus. I fisioterapisti lavorano con i pazienti per aiutarli a riacquistare la capacità di eseguire movimenti complessi come camminare, correre e salire le scale. Questo può includere l’uso di tecniche di allenamento alla deambulazione, l’utilizzo di dispositivi di supporto come stampelle o deambulatori e l’insegnamento di strategie di compensazione per affrontare le limitazioni motorie.

La fisioterapia neurologica può anche includere terapie sensoriali per migliorare la consapevolezza del corpo e la percezione sensoriale nei pazienti con disturbi neurologici. Queste terapie possono includere l’allenamento propriocettivo, che mira a migliorare la consapevolezza della posizione corporea, e l’allenamento tattile, che mira a migliorare la sensibilità al tatto e la discriminazione sensoriale.

In conclusione, la fisioterapia neurologica svolge un ruolo fondamentale nel migliorare la funzionalità fisica e la qualità della vita dei pazienti con disturbi neurologici. Utilizzando una combinazione di approcci terapeutici mirati, i fisioterapisti neurologici lavorano per aiutare i pazienti a superare le sfide motorie e a raggiungere una maggiore indipendenza nelle attività quotidiane. Con un approccio centrato sul paziente e basato sulle evidenze, la fisioterapia neurologica offre un supporto prezioso per coloro che affrontano le sfide dei disturbi neurologici.

La fisioterapia respiratoria è una disciplina specializzata della fisioterapia che si concentra sul trattamento delle disfunzioni polmonari e delle condizioni respiratorie. Questo ramo della fisioterapia è progettato per migliorare la funzione polmonare, aumentare la capacità respiratoria e ridurre i sintomi associati a una vasta gamma di condizioni mediche, tra cui l’asma, la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), la fibrosi cistica e altre patologie polmonari.

Gli interventi terapeutici della fisioterapia respiratoria possono includere una serie di tecniche, come esercizi di respirazione, mobilizzazione toracica, percorsi di esercizio fisico mirati e terapie di rieducazione respiratoria. Questi trattamenti sono progettati per migliorare la ventilazione polmonare, ridurre l’affaticamento respiratorio e ottimizzare la qualità della vita dei pazienti affetti da patologie respiratorie.

Inoltre, la fisioterapia respiratoria può essere integrata con altre forme di terapia, come la terapia farmacologica e la gestione delle condizioni sottostanti, al fine di fornire un approccio completo e personalizzato alla cura del paziente.

I professionisti della fisioterapia respiratoria sono addestrati per condurre valutazioni approfondite della funzione respiratoria dei pazienti e per sviluppare piani di trattamento individualizzati in base alle loro esigenze specifiche. L’obiettivo principale della fisioterapia respiratoria è quello di migliorare la funzione polmonare e la qualità della vita dei pazienti affetti da patologie respiratorie, consentendo loro di respirare più facilmente e di condurre una vita più attiva e soddisfacente.

La fisioterapia oncologica è un ramo specializzato della fisioterapia che si concentra sulla gestione dei sintomi fisici e sul miglioramento della qualità della vita dei pazienti affetti da cancro. Questo tipo di fisioterapia è progettato per affrontare gli effetti collaterali del cancro e dei suoi trattamenti, che possono includere chirurgia, chemioterapia, radioterapia e terapie mirate. L’obiettivo principale della fisioterapia oncologica è aiutare i pazienti a mantenere o migliorare la loro funzionalità fisica, ridurre il dolore e il disagio, e promuovere il loro benessere generale durante il percorso di cura.

Le aree di trattamento principali della fisioterapia respiratoria sono:

  • dolori muscolo-scheletrici. Molti pazienti affetti da cancro sperimentano dolore, rigidità e perdita di forza muscolare a causa della malattia stessa o degli effetti collaterali dei trattamenti (uno su tutti la radioterapia) . L’obiettivo del trattamento sarà sicuramente la riduzione degli stessi per poter permettere al paziente di muoversi più liberamente.
  • linfedema: condizione caratterizzata dall’accumulo di liquido linfatico nei tessuti, spesso causata dall’ostruzione dei vasi linfatici durante il trattamento del cancro. I fisioterapisti oncologici possono utilizzare tecniche specializzate, come il linfodrenaggio manuale e l’applicazione di bendaggi compressivi, per ridurre il gonfiore e migliorare il drenaggio linfatico nei pazienti con linfedema.
  • ricondizionamento motorio: purtroppo il decorso della malattia, o il ricorso all’intervento chirurgico, può portare il paziente a sperimentare un grave decadimento muscolare che si traduce in una difficoltà nell’esecuzione delle attività della vita quotidiana. Il fisioterapista oncologico deve essere in grado di stipulare in accordo con il paziente un programma atto al recupero della funzionalità muscolare che possa permettere al paziente di tornare a lavoro, tornare a svolgere lo sport preferito o anche solo tornare a vivere la propria vita senza particolare affanno.

 

In sintesi, la fisioterapia oncologica svolge un ruolo fondamentale nella gestione dei sintomi fisici e nel miglioramento della qualità della vita dei pazienti affetti da cancro. Utilizzando una combinazione di approcci terapeutici mirati, i fisioterapisti oncologici lavorano per alleviare il dolore, migliorare la funzionalità fisica e promuovere il benessere generale dei pazienti durante il loro percorso di cura oncologica. 

Il linfodrenaggio è una tecnica terapeutica utilizzata principalmente nella gestione del linfedema, una condizione caratterizzata dall’accumulo di liquido linfatico nei tessuti, causato da un’insufficiente funzione del sistema linfatico. Questa tecnica mira a migliorare il drenaggio linfatico, riducendo il gonfiore e migliorando la circolazione linfatica.

Il linfodrenaggio viene eseguito utilizzando una serie di movimenti delicati e ritmici, applicati manualmente, lungo i percorsi dei vasi linfatici. Questi movimenti sono progettati per stimolare il flusso del liquido linfatico attraverso i vasi linfatici, aumentando così il drenaggio e riducendo il gonfiore.

Questa tecnica è particolarmente efficace nel trattamento del linfedema, che può verificarsi dopo interventi chirurgici, traumi o condizioni mediche che compromettono il normale flusso linfatico. Il linfodrenaggio può essere utilizzato come parte di un programma di gestione del linfedema, insieme a compressione terapeutica, esercizi specifici e cura della pelle.

Oltre al trattamento del linfedema, il linfodrenaggio può essere utilizzato anche per alleviare il gonfiore e migliorare la circolazione in altre condizioni, come edemi post-operatori, gonfiori da gravidanza, cicatrici chirurgiche e condizioni infiammatorie.

La fisioterapia sportiva è un ramo specializzato della fisioterapia che si focalizza sulle lesioni muscoloscheletriche e sul miglioramento delle prestazioni degli atleti. Con un approccio mirato, i fisioterapisti sportivi si occupano della prevenzione, della valutazione e del trattamento delle lesioni legate alla pratica sportiva.

Nel contesto della prevenzione, i fisioterapisti sportivi sviluppano programmi di esercizi specifici mirati a migliorare la forza, la flessibilità e la stabilità articolare degli atleti, riducendo così il rischio di infortuni.

Quando si verificano lesioni muscoloscheletriche, i fisioterapisti sportivi sono responsabili della valutazione approfondita dell’atleta e della pianificazione di un trattamento personalizzato per favorire il recupero. Utilizzando una combinazione di terapie manuali, terapie fisiche ed esercizi terapeutici, lavorano per ridurre il dolore, ripristinare la funzionalità muscoloscheletrica e accelerare il processo di guarigione.

La gestione del dolore è un aspetto cruciale della fisioterapia sportiva. I fisioterapisti sportivi utilizzano tecniche specifiche per alleviare il dolore e l’infiammazione, consentendo agli atleti di tornare all’attività sportiva il più rapidamente e in modo sicuro possibile.

Inoltre, la fisioterapia sportiva si occupa anche della riabilitazione post-infortunio, aiutando gli atleti a recuperare la forza, la flessibilità e la stabilità articolare dopo un periodo di inattività dovuto all’infortunio. Questo processo mira a garantire che gli atleti tornino alla loro piena funzionalità e alle loro prestazioni ottimali in modo sicuro ed efficace.

In conclusione, la fisioterapia sportiva svolge un ruolo essenziale nel supportare gli atleti attraverso la prevenzione, la valutazione, il trattamento e la riabilitazione delle lesioni muscoloscheletriche. Con un approccio mirato e personalizzato, i fisioterapisti sportivi aiutano gli atleti a recuperare dall’infortunio, migliorare le prestazioni e mantenere la salute e il benessere nel lungo termine.

TheraHub offre una vasta gamma di servizi dedicati alla salute muscolo-scheletrica, compresi trattamenti di fisioterapia, osteopatia, massaggi e accesso a una palestra. Ci impegniamo a fornire soluzioni professionali e basate sull’evidenza scientifica per garantire il benessere dei nostri pazienti.”.

Fabio Speranza

FISIOTERAPISTA

I nostri trattamenti

Evidenza Scientifica

Garantiamo che ogni aspetto dell’incontro terapeutico (dall’anamnesi, alla diagnosi differenziale, dalle proposte terapeutiche all’educazione al dolore) si basano su una rigorosa e costante analisi critica della migliore letteratura esistente.

Questo per offrirti solo il meglio che é nelle nostre possibilità.

Perché tu sei al nostro centro.

FAQ

Le Vostre domande frequenti

Qui a fianco potete trovate le risposte alle Vostre domande più frequenti. 
Se hai altre domande, compila il contact form, ti risponderemo non appena ci sarà possibile.

La fisioterapia di solito è prescritta in cicli di 9 sedute. Può succedere che un numero inferiore di visite risolva il vostro problema, ma a volte 9 sedute non sono abbastanza per risolverlo completamente. Il medico vi farà quindi una seconda prescrizione. Il numero delle sedute non è limitato.

L’assicurazione ha il diritto di richiedere in qualsiasi momento un rapporto al vostro medico e / o al vostro fisioterapista. Per garantire la protezione dei vostri dati medici, le informazioni necessarie saranno indirizzate al consulente medico dell’assicurazione.

In caso effettuiate più di 36 sedute di fisioterapia, il vostro medico è obbligato a spiegare all’assicurazione le ragioni per le quali il trattamento deve continuare.

Certamente. Basta richiederlo durante la chiamata per fissare l’appuntamento. Siamo a disposizione anche di quelle persone che a causa di difficoltà motorie non riescono a raggiungere il nostro Studio.

Certamente. La fisioterapia, come qualsiasi altra forma terapeutica, puo’ presentare delle controindicazioni relative o assolute. Compito del fisioterapista, ancor prima di attuare il suo piano terapeutico, e’ proprio quello di considerare e verificare eventuali controindicazioni al trattamento stesso. Per esempio in particolari casi di importanti infezioni sistemiche e’ severamente controindicato applicare la maggior parte delle tecniche fisioterapiche, al fine di non propagare ulteriormente l’infezione. Inoltre, in seguito a importanti traumi e/o interventi chirurgici, per diverso tempo puo’ non essere necessario l’intervento fisioterapico (la cui precocita’ resta tuttavia strettamente necessaria nella maggior parte dei casi). Il medico e il fisioterapista sono tenuti a conoscere le controindicazioni relative e assolute della fisioterapia, informando il malato, in modo da soddisfarne il bisogno di salute.

La fisioterapia è coperta dall’assicurazione LAMAL in caso di malattia, mentre in caso di infortunio la copertura è garantita dall’assicurazione infortuni stipulata dal datore di lavoro. Per i lavoratori indipendenti che subiscono un infortunio la fisioterapia è rimborsata dalla dalla propria assicurazione infortuni. in pensione la differenza tra malattia ed infortunio decade.
malattia e ASPI.

Ogni trattamento, vale a dire ogni prestazione effettuata dal fisioterapista, ha un numero, chiamato posizione tariffaria; sono questi i numeri che troverete in fattura.

La posizione più usata del tariffario è la numero 7301 che corrisponde a un forfait per una seduta di fisioterapia.

Se il paziente è affetto da un problema complesso, si applica la posizione 7311. A queste 2 posizioni possono aggiungersi delle integrazioni, fra le quali un supplemento per la prima seduta, un’indennità per trasferta o ad esempio un supplemento per un trattamento in piscina.

Precisiamo ancora che la durata di un trattamento non ne influenza il prezzo. Di solito una seduta per un trattamento semplice dura 30 minuti.

In caso di trattamento prescritto dal vostro medico, il fisioterapista è obbligato ad usare questo tariffario; non è autorizzato a chiedervi di pagare di tasca vostra un qualsiasi supplemento.

Per potersi adattare alle differenze regionali, il valore del punto tariffario varia da un cantone all’altro, andando da CHF 0.94 a 1.11.